I nostri eventi

L’evento principale organizzato dall’Associazione è senz’altro “Ocriculum AD 168”, una tre-giorni nell’ultimo fine settimana di maggio ormai giunta alla nona edizione. La manifestazione rievoca i fasti dell’antica città al tempo dell’imperatore Marco Aurelio, nell’anno 168 d.C. appunto, sotto il cui regno la vulgata fa risalire il martirio a Damasco del santo patrono di Otricoli, il giovane tribuno ocriculano Vittore. Per un intero fine settimana all’interno dell’area archeologica rievocano scene di vita quotidiana persone abbigliate secondo il costume romano del II secolo, si ricreano spazi perduti e, cosa più importante, si fanno rivivere gli edifici monumentali dell’antica città di Ocriculum.

Ocriculum AD 168

Durante quelle giornate l’area archeologica viene ripopolata da oltre 300 figuranti dell’Associazione e di altri enti rievocativi provenienti da tutt’Italia, ma anche e soprattutto da oltre 5000 visitatori; i vari banchi didattici di cui si compone la manifestazione sono realizzati tenendo presente la sfera emotivo-sensoriale. Per questo essi hanno la capacità di rendere il visitatore attivo protagonista di un particolare esempio di rievocazione, che è anche archeologia sperimentale proposta al grande pubblico e, in particolare, a specifiche categorie turistiche più sensibili, come il turismo scolastico-giovanile, le famiglie, le fasce deboli. La dislocazione delle varie attività rievocative presso tutti i principali monumenti della città antica permette infatti il pieno godimento tanto di questi, quanto di quelle, grazie all’abbattimento delle poche barriere architettoniche presenti in un’area archeologica che è anche parco naturalistico.

Sacramentum legionis

Il “Sacramentum legionis” di ottobre, invece, si caratterizza come evento giornaliero principalmente militare. In quest’occasione sono chiamati a partecipare i membri di tutti i gruppi rievocativi di legioni di epoca imperiale.

La manifestazione richiama molti visitatori, curiosi non solo di assistere alla cerimonia del giuramento di fedeltà a Roma e all’Imperatore, ma anche di visitare un esteso castrum militare e di godere di prove di addestramento e scontri simulati cui prendono parte oltre cento legionari romani. La compartecipazione vicendevole agli eventi rievocativi sul territorio nazionale è una linea di indirizzo che guida le azioni dell’Associazione Ocriculum come di altre in tutt’Italia. Lo scopo, per altro ampiamente concretizzato, è quello di arricchire le esperienze e le conoscenze di tutti esportando la bellezza dei propri bagagli e patrimoni culturali

Sacramentum-legionis-1
Sacramentum-legionis
Sacramentum-legionis
Carsulae Ocriculum
Carsulae Ocriculum
Carsulae Ocriculum
Carsulae Ocriculum

Carsulae e Ocriculum

Tra archeologia e rievocazione: svolgimento di seminari divulgativi sugli aspetti della vita quotidiana e istituzionale del II secolo nell’Impero romano e, in particolare, nei due municipia dell’Umbria meridionale. Ad essi si affiancheranno specifici banchi didattici rievocativi che possano rendere esperienziale un apprendimento troppo spesso solo nozionistico.

Nel 2022, l’Associazione si offre di presentare anche un serie di giornate di studio attraverso il progetto “Carsulae e Ocriculum: tra archeologia e rievocazione”. Tra il mese di maggio e quello di settembre nei due siti archeologici dell’Umbria meridionale si svolgeranno seminari divulgativi sugli usi e costumi romani nel II secolo d.C. all’interno dell’Impero e in particolare nei due municipia umbri. Ad essi si affiancheranno specifici banchi didattici rievocativi che possano rendere esperienziale un apprendimento troppo spesso solo nozionistico.

Lo Sbarco

manifestazione storico religiosa durante la quale si ricorda il ritorno ad Otricoli dei resti mortali di Vittore, poi Santo Patrono di Otricoli, un soldato romano della Legio XVI^ Flavia di stanza in Damasco, ivi martirizzato nell’anno 168 d.c. perché divenuto cristiano. I resti, come profetizzato dal Santo prima della morte, vengono riportati ad Otricoli dai suoi commilitoni nella notte della vigilia e precisamente il 13 maggio di ogni anno  e poi sepolto nelle vicinanze della chiesetta dedicata al Santo.

La manifestazione si svolge sul fiume Tevere illuminato da fiaccole e lumini e alla stessa partecipano le barche dell’Associazione Culturale Ocriculum con gli equipaggi e la Legioi XVI Flavia.

Una manifestazione molto suggestiva che ormai da 50 anni prepara la festa del patrono San Vittore.

Ocriculum-sbarco
Ocriculum-sbarco
Ocriculum-sbarco
Sacra rappresentazione Ocriculum
Sacra rappresentazione Ocriculum
Sacra rappresentazione Ocriculum
Sacra rappresentazione Ocriculum
Sacra rappresentazione Ocriculum

Sacra rappresentazione

Martirium Sancti Victoris et Sanctae Coronae: dramma sacro che rievoca la testimonianza di fede attraverso il martirio del santo patrono di Otricoli, il giovane tribuno Vittore, convertito a Damasco dalle parole della giovane Corona e con essa ucciso dopo atroci sofferenze per ordine del governatore Sebastiano. La tradizione vuole che il suo corpo sia stato riportato ad Ocriculum da alcuni suoi amici e compagni di fede, probabilmente commilitoni.

La via dei martiri

In alternativa alla Sacra Rappresentazione, come succederà nel 2022, dopo lo sbarco e partendo dalla chiesetta di San Vittore, durante la processione religiosa fino alla Cattedrale Santa Maria Assunta  di Otricoli, si svolgerà la VIA DEI MARTIRI una meditazione in 11 stazioni rappresentate da icone poste lungo il percorso, rievocative del martirio dei Santi Vittore e Corona riprese dalla pala settecentesca posta nella Chiesa stessa.

Contattaci

Per tutte le informazioni puoi contattarci mandando una mail oppure usando i nostri numeri ultili.